Parole….parole…parole sul nuovo Ubuntu 8.04 in “lavorazione”, ma a cosa servono?

In ogni dove leggo post che riguardano il nuovo Ubuntu 8.04, ma esso si presenterà solo tra molto ma molto tempo quindi secondo me basta elencare quello che i programmatori hanno in serbo per noi lasciando stare tutti i commenti, per ora inutili, su quello che sarà.

Quindi bando alle ciance e via con i fatti:

  • Un nuovo framework per la migrazione tra server di applicazioni basate sul web
  • Creazione di uno strumento in grado di rendere l’installazione di un server LDAP semplice come quella di un server LAMP
  • Supporto ad iSCSI
  • Una nuova area di supporto sull’Ubuntu QA Website
  • Migliorato supporto per gli encrypted file system
  • Documentazione migliorata per Ubuntu Server
  • Nuovo logout dialog-menù
  • Supporto agli strumenti di gestione open source come OpenIPMI, OpenHPI, etc
  • Nuovi messaggi di boot
  • Un nuovo tema per Ubuntu 8.04
  • Uno strumento per la creazione di un firewall utilizzando un linguaggio di alto livello.
  • Nuovo sistema di riconoscimento dell’hardware
  • Nuovi effetti desktop grazie a Compiz 0.7
  • APT verrà migliorato in modo da evitare problemi durante l’utilizzo dei controlli sull’autenticazione
  • KDE 4.0 all’interno di Kubuntu
  • Nuovo processo di boot
  • Migliorato supporto alle partizioni Windows
  • Rivisitazione dei font
  • Migliorato supporto per i dual-monitor su GNOME
  • Pieno supporto a SELinux

Link

Ciao a tutti

Advertisements

5 risposte a Parole….parole…parole sul nuovo Ubuntu 8.04 in “lavorazione”, ma a cosa servono?

  1. psychomantum ha detto:

    ma migliorare la lentezza e la bugosità di alcune cose? cmq sempre più windows… io consiglierei agli espertazzi di passare a debian, almeno ci si diverte 😀

  2. shaytan ha detto:

    sono concorde con te ma è necessario ammettere che non tutti hanno la capacità di gestire una Debian e quindi ecco lo stile Win.
    L’importante è che alla base di tutto rimanga la possibilità di smanettare.
    Ciao

  3. carangelo ha detto:

    Beh invece mi sembra proprio banale come affermazione quella di Psychomantum, cioè senza offesa ovviamente. Oltre al fatto che Ubuntu deriva proprio dalla grande Debian, c’è da dire che di certo non vuole assomigliare allo stile Win, ma più che altro mira ad essere una distribuzione “user-friendly” direi, proprio per eliminare questo concetto di “Linux è solo per smanettoni”. Windows si è diffuso proprio perchè chi usa il computer nella maggior parte dei casi non vuole sapere come fa il SO a fare una certa cosa, vuole solo che la faccia e soprattutto nel modo più semplice possibile (non sono tra queste persone 🙂 ). Dire semplicemente “cmq sempre più windows” vuol dire non sapere che differenza ci sia tra questi due sistemi.

  4. thegreatsyd ha detto:

    Ammetto la mia profonda e spessa ignoranza in tale campo, sono bravino coi computer ma ste cose le conosco molto molto marginalmente.
    Sono ignorante in materia ma è bello che ci sia gente disposta a chiarire certe cose anche a quelli come me eh eh eh.
    Ciao a tutti!!!

  5. Daniele ha detto:

    Il tempo è importante.
    Perché perdere questo in cose inutili e ripetitive?
    Vada per i sistemi di configurazione user-friendly e rapidi senza perdere la possibilità di configurare il tutto a manina.

    La cosa che mi auguro nella prossima versione di Linux impacchettata da Ubuntu/Canonical è PulseAudio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: