Linux ed i sistemi ultraportatili

I sistemi ultraportatili soddisfano il 90% degli utenti dei computer, in un sistemino dal peso irrisorio è racchiusa la potenza necessaria per applicazioni internet, office e multimedia.

Praticamente indistruttibili (per quanto riguarda la parte del disco fisso) questi sistemi sembrano essere il futuro mobile dei computer, i piccoli monitor non si aiutano certo ad essere troppo comodi nell’uso di software per grafica ma comunque fanno il loro dovere.

In tutto questi GNU/Linux che ruolo ha?? O meglio che ruolo vorrebbe avere??

Certamente la battaglia con Win sarà ardua ma in questo campo il pinguino ha una marcia in più infatti questi sistemi, anche se dotati di buone capacità di calcolo, soffrono dal punto di vista delle prestazioni pure.

E’ proprio qui che scende in campo GNU/Linux, molto più leggero di qualsiasi Win esso si presenta come il connubio perfetto per l’hardware in questione.

Questo è un bene perchè in questo modo, nuovi utenti di questa tipologia di pc, possono apprezzare tutti gli aspetti positivi del software libero e quindi sbarazzarsi definitivamente di tutti quei sistemi operativi o programmi non liberi.

Se pensate che quanto detto fino ad ora sia pura teoria tornate sui vostri passi in quanto la prima azienda a credere in questo progetto è il colosso Asus.

La stessa ha presentato tempo fa (più precisamente al Computex di Taipei) un prototipo della categoria di pc sopra descritta il quale presentava le seguenti caratteristiche:

  • monitor da 7 pollici 800×480 pixel
  • peso di circa 890 grammi
  • sistema operativo Linux based personalizzato ASUS
  • chipset Intel 910 con processore 900MHz Dothan Pentium M
  • autonomia di 3 ore
  • storage basato su memoria NAND Flash da 8 o 16 GB

Questa la foto:

pcasus

Chiaramente il tutto è corredato da connettività classica sia cavo che wifi.

Ora la parte più interessante il prezzo………..tutto sto ben di Dio verrà venduto a 199 $ per la versione base fino ad un massimo di 369 $.

Pur non gradendo il pc in se, lo trovo troppo ibrido tra un palmare ed un portatile, penso che sia un ottimo hardware adatto per il manager che ha bisogno di viaggiare leggere ed avere sempre dietro il proprio ufficio chiaramente equipaggiato con GNU/Linux.

Ciao a tutti.

P.S.: speriamo che di riflesso con l’introduzione di questa nuova tipologia di pc portatili si abbassino i prezzi di quelli tradizionali da 15,4 pollici.

About these ads

5 risposte a Linux ed i sistemi ultraportatili

  1. shaytan scrive:

    e si è proprio lui.
    ciao

  2. Lazza scrive:

    Che carino che è! :-D

  3. shaytan scrive:

    Per l’uso che faccio io del laptop un po inutile poco performante ma per uso ufficio o navigazione in mobilità è ottimo.
    Notato il tasto win nell’immagine……………….

  4. Lazza scrive:

    Orpo! 8O
    Be’ se dovessi prendermelo ci metterei su un adesivo… :-P

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: