Il backup incrementale di rsync

Tra i software di backup quello che in modo particolare mi ha colpito per funzionalità e leggerezza è Rsync.

Gestibile da linea di comando Rsync permette il backup di ogni tipo di file, per render il processo di backup veloce si sfrutta una tecnica detta di “backup incrementale” la quale va a copiare le sole parti cambiate di un file già archiviato risparmiando quindi tempo e risorse macchina rispetto ad un tool che ogni volta che effettua il backup di un file ne copia nuovamente tutto in contenuto.

Rsync è incluso nelle maggiori distribuzioni ed a volte per l’installazione è sufficiente rifarsi al gestore dei pacchetti o al cd/dvd della distro in questione.

Il programma gestisce anche la copia dei file su di un  host, pratica che effettua grazie al supporto di connessione di tipo ssh o rsh è possibile anche effettuare la connessione ad un host grazie al demone del software se presente nel sistema operativo della controparte ma si ricorre quasi sempre a connessioni di tipo ssh per la loro sicurezza e facilità di gestione.

La sintassi del software è molto semplice ed è così strutturata:

rsync [opzioni] sorgente destinazione

se ad esempio desideriamo copiare la cartella home all’interno di un supporto di memorizzazione USB ricorreremo al seguente comando:

rsync -a /home/user/dir/ /media/disk/dir/

E’ importantissimo distinguere queste due diciture:

/home/user/dir/” …………………….. “/home/usr/dir

nel primo caso il software prenderà la cartella e la copierà per intero mentre nel secondo caso il software copierà il contenuto della cartella all’interno del supporto che noi avremo designato senza però creare la cartella che contiene i file; occhio dunque alle slash.

L’opzione -a che può seguire il comando Rsync serve a preservare i diritti sui file che quindi avranno ancora un “padrone” ed un “gruppo di appartenenza”, è importante specificare che non verranno preservati di hardlink se volete ottenere questo dovete affidarvi al flag -H.

Potete escludere i file nascosti dai vostri backup grazie alla sintassi:

–exclude=”.*/”

CREARE DELLE COPIE LOCALI
La sintassi più comune per creare dei backup locali all’interno di dischi USB o comunque esterni è la seguente:

rsync -avh /home/usr/dir/ /media/disk/backup/

volendo si può ricorrere ad una opzione che permette di cancellare i file locali, in tale modo il comando sarà:

rsync -avh –delete /home/user/dir/ /media/disk/backup

attenzione ad usare la funzione –delete se vi accorgete di un errore potrete sempre fermare il processo con la combinazione ctrl+c.

CREARE COPIE REMOTE
Se avete a disposizione uno spazio remoto su di un server potete sfruttarne la capienza per creare delle copie remote dei vostri file grazie al semplice comando:

rsync -avhe ssh –delete /home/user/dir/ user@remote.host.com:dir/

per rendere il tutto più graficamente accattivante potete introdurre il flag –progress in questo modo:

rsync –progress -avhe ssh –delete /home/user/dir/ user@remote.host.com:dir/

Se siete particolarmente sospettosi o maniaci della sicurezza o semplicemente state effettuando il trasferimento di dati importanti e riservati potete dotare la connessione ssh di passord in questo modo, create una chiave sh con questo comando:

ssh-keygen -t dsa

una volta premuto invio inserite la vostra password.

Una volta creata la password date il seguente comando:

ssh-copy-id -i .ssh/id_dsa.pub user@remote.host.com

che farà in modo di copiare la chiave pubblica in remoto.

Se desiderate ora riprendere i vostri file dallo spazio web dove li avete salvati dovete dare un comando come questo:

rsync -avze ssh remote.host.com:/home/user/dir/ /local/path/

In definitiva Rsync è uno strumento potente per coloro che hanno necessità di grandi backup, come gli amministratori di reti o server, ma anche per il normale utente che cerca un modo sicuro, facile e veloce per creare copie di backup delle proprio foto delle vacanze.

Ciao a tutti.

P.S.: dimenticavo che Rsync può essere completamente automatizzato grazie al prezioso aiuo dello shell scripting.

11 risposte a Il backup incrementale di rsync

  1. zeroaudience scrive:

    ottimo tutorial

    visto che accenni agli script, mi permetto di linkare questa mia parziale traduzione di questa guida (inglese)

  2. shaytan scrive:

    Grazie mille ……………. e grazie dei link.
    ciao

  3. mirko scrive:

    attenzione….
    in questa guida e’ errata la descrizione della presenza o meno dello slash ‘/’.
    E’ invertita!!
    Se e’ presente ‘/’ copia solo il contenuto mentre se omessa crea la cartella e il suo contenuto.

  4. dalloliogm scrive:

    Ottimo tutorial, grazie mille.

  5. shaytan scrive:

    grazie del commento, ti segnalo che il blog si è trasferito all’indirizzo http://www.linuxedintorni.com

  6. uk scrive:

    “per rendere il tutto più veloce potete introdurre la funzionalità di backup incrementale in questo modo:

    rsync –progress (…)”

    il parametro –progress mostra una barra di avanzamento durante la copia di ogni singolo file. Dal man di rsync:
    “–progress show progress during transfer”

  7. shaytan scrive:

    Mi ero accorto dell’errore ma da quando sono passato al nuovo dominio ho dimenticato la correzione, che invece è stata effettuata nel nuovo indirizzo, grazie per la segnalazione.

  8. NiCK scrive:

    Secondo il mio modesto parere è una pessima guida, dai troppe cose per scontato non spiegando all’utente il comando dove va dato se da lato client o lato server. Insomma hai fatto una copia delle centinaia di guide che ci sono in rete, niente di più!

  9. This is exactly the fourth blog, of yours I personally read through.
    Nonetheless I personally like this particular 1, “Il backup incrementale
    di rsync Linux e dintorni” the very best. Regards -Cecil

  10. procera scrive:

    So instead of strolling at a continuous tempo for say an hour, you’d probably modify issues up by alternating short bursts of extreme strolling for say a minute followed by a recovery time period with slower walking immediately after each and every extreme time period. Just retain alternating for twenty minutes to start out and add time while you turn into more fit. You may use interval coaching with all phases in theprocera avh to boost your results.

    Also once you do any form of training it’s strongly advised that you simply drink plenty
    of water in advance of through and following to keep one’s body thoroughly hydrated.

  11. click for more scrive:

    click for more

    Il backup incrementale di rsync | Linux e dintorni

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: